logo desktop
logo mobile
Laici impegnati… Preghiera, Azione e Sacrificio...
Vivere l’esperienza di fede, l’annuncio del Vangelo e la chiamata alla santità.

Siamo un’associazione di laici cristiani impegnati a vivere la vita di ogni giorno alla luce dell’esperienza di fede e della chiamata alla santità. Proponiamo iniziative e percorsi di formazione rivolti a tutte le fasce d’età, dai bambini e i ragazzi fino agli adulti e agli anziani, passando per i giovani e gli adolescenti.

Crediamo che sia doveroso e possibile educarci reciprocamente alla responsabilità, in un cammino personale e comunitario di formazione umana e cristiana. Vogliamo essere attenti, come singoli e come comunità, alla crescita delle persone che incontriamo e che ci sono state affidate.

EVENTI IN EVIDENZA
  • comunicato informativo... comunicato informativo...
VIDEO IN EVIDENZA
Vivere la Parola - III^ domenica di Pasqua - Anno B
Commento al Vangelo della III^ domenica di Pasqua (Anno B) a cura di Lionello Paoletti
IN FOCUS
TOP NEWS
| autore: Barbara Spanedda
Ci stiamo avvicinando a grandi passi all’incontro nazionale con Papa Francesco, “A braccia aperte”, che ci vedrà a Roma il 25 aprile.

Vogliamo oggi ricordare un altro incontro fondamentale per la storia dell’AC, di cui abbiamo parlato anche nella mostra dedicata al nostro centenario. Stiamo parlando del raduno del settembre del 1948 a Roma in cui...

continua a leggere
All'Interno del progetto dell'UP Romana Fratta- Versa, #allyoucanmeet  web radio giovani, finanziato dalla Regione FVG, martedì 16 aprile alle ore 18,30 è previsto un importante incontro dal titolo IO SONO POSSIBILE,  condotto dall'associazione di Trieste...
continua a leggere
Lasciamoci ispirare da questa bambina, innamorata di Gesù e della Madonna.
I capelli tagliati a caschetto, un sorriso dolce e vispo, le mani sempre pronte alla preghiera: questo potrebbe essere il ritratto di Antonietta Meo, per tutti “Nennolina”. Antonietta nasce e vive la sua breve ed...
continua a leggere
Che cosa possiamo dire di un giovane ragazzo, che Dio chiama accanto a sé a soli 24 anni? Che amava Dio, i poveri e l’Azione Cattolica.
Pier Giorgio Frassati nasce a Torino il 6 aprile 1901, in una famiglia molto ricca, che desidera il meglio per i suoi figli. Il padre giornalista spera che Pier Giorgio si impegni nello studio, ma...
continua a leggere
| autore: Francesca Spanedda
L'esperienza di alcuni ragazzi delle superiori dell'unità pastorale di Romans, Versa e Fratta.
“Vegliate un'ora con me”: una quindicina di ragazzi delle superiori hanno accolto l'invito fatto da noi educatori dell'Unità pastorale di Versa Fratta e Romans di trascorrere l'ultima notte di Gesù, prima della sua Passione, in...
continua a leggere
A BRACCIA APERTE – Roma 25 aprile 2024
Il 25 aprile siamo tutti chiamati a riunirci intorno a Papa Francesco in piazza San Pietro per l’Incontro nazionale, aperto a tutti gli aderenti e non solo, che farà da ponte tra i due trienni....
continua a leggere
Ci stiamo avvicinando a grandi passi all’incontro nazionale con Papa Francesco, “A braccia aperte”, che ci vedrà a Roma il 25 aprile.
Lasciamoci ispirare da questa bambina, innamorata di Gesù e della Madonna.
Che cosa possiamo dire di un giovane ragazzo, che Dio chiama accanto a sé a soli 24 anni? Che amava Dio, i poveri e l’Azione Cattolica.
L'esperienza di alcuni ragazzi delle superiori dell'unità pastorale di Romans, Versa e Fratta.
A BRACCIA APERTE – Roma 25 aprile 2024
LA RUBRICA DI AVE EDITRICE
ARTICOLI RECENTI
CONSULTA ARCHIVIO
DOCUMENTI RECENTI
SEGUICI SUI SOCIAL MEDIA...
SEGUICI SU SEGUICI SU SEGUICI SU SEGUICI SU SEGUICI SU
CALENDARIO EVENTI
<
APRILE 2024
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30  
SETTORI E AREE INFORMATIVE
  • Chi siamo Chi siamo
  • Storia Storia
  • Attività Attività
  • Struttura Struttura
  • Formazione Formazione
  • Adesione all'AC Adesione all'AC
  • Associazioni Parrocchiali Associazioni Parrocchiali
  • Unitario Unitario
  • Adulti Adulti
  • ACR ACR
  • Giovani Giovani
  • Famiglia e vita Famiglia e vita
1922-2022 | AC.CENTO
  • Portale dedicato alla Mostra Portale dedicato alla Mostra
  • Cento Anni di ACG Cento Anni di ACG
  • Il volto femminile dell'AC Il volto femminile dell'AC
  • la realtà del Comitato Civico diocesano la realtà del Comitato Civico diocesano
  • Il volto maschile dell'AC Il volto maschile dell'AC
  • Il volto ecclesiale dell'AC Il volto ecclesiale dell'AC
NEWS, MULTIMEDIA E CONTATTI
  • News, articoli e comunicati News, articoli e comunicati
  • Documenti diversi Documenti diversi
  • Fotogallery Fotogallery
  • Video e filmati Video e filmati
  • Podcast Podcast
  • Calendario eventi Calendario eventi
  • Comunica con noi Comunica con noi
  • Iscrizione alla nostra newsletter Iscrizione alla nostra newsletter
  • Informativa Privacy Informativa Privacy
stampa LETTURE DEL GIORNO 16/04/2024

COLORE LITURGICO: bianco

Antifona

Lodate il nostro Dio,      
voi che lo temete, piccoli e grandi,
perché si è compiuta la salvezza,
la forza e il regno del nostro Dio
e la potenza del suo Cristo. Alleluia. (Cf. Ap 19,5; 12,10)

Colletta

 

O Dio, che apri la porta del regno dei cieli
a coloro che sono rinati dall’acqua e dallo Spirito Santo, 
accresci nei tuoi fedeli la grazia del Battesimo,
perché liberati da ogni peccato
possano ereditare i beni da te promessi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo.

 

Prima Lettura

Signore Gesù, accogli il mio spirito.

 

Dagli Atti degli Apostoli
At 7,51-8,1a

In quei giorni, Stefano [diceva al popolo, agli anziani e agli scribi:] «Testardi e incirconcisi nel cuore e nelle orecchie, voi opponete sempre resistenza allo Spirito Santo. Come i vostri padri, così siete anche voi. Quale dei profeti i vostri padri non hanno perseguitato? Essi uccisero quelli che preannunciavano la venuta del Giusto, del quale voi ora siete diventati traditori e uccisori, voi che avete ricevuto la Legge mediante ordini dati dagli angeli e non l'avete osservata».
All'udire queste cose, erano furibondi in cuor loro e digrignavano i denti contro Stefano.
Ma egli, pieno di Spirito Santo, fissando il cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio e disse: «Ecco, contemplo i cieli aperti e il Figlio dell'uomo che sta alla destra di Dio».
Allora, gridando a gran voce, si turarono gli orecchi e si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori della città e si misero a lapidarlo. E i testimoni deposero i loro mantelli ai piedi di un giovane, chiamato Sàulo.
E lapidavano Stefano, che pregava e diceva: «Signore Gesù, accogli il mio spirito». Poi piegò le ginocchia e gridò a gran voce: «Signore, non imputare loro questo peccato». Detto questo, morì.
Sàulo approvava la sua uccisione.

Parola di Dio.

 

Salmo Responsoriale

Dal Sal 30 (31)

 

R. Alle tue mani, Signore, affido il mio spirito.
Oppure:
R. Alleluia, alleluia, alleluia.

Sii per me una roccia di rifugio,
un luogo fortificato che mi salva.
Perché mia rupe e mia fortezza tu sei,
per il tuo nome guidami e conducimi.  R.
 
Alle tue mani affido il mio spirito;
tu mi hai riscattato, Signore, Dio fedele.
Esulterò e gioirò per la tua grazia,
perché hai guardato alla mia miseria. R.
 
Liberami dalla mano dei miei nemici
e dai miei persecutori:
sul tuo servo fa' splendere il tuo volto,
salvami per la tua misericordia. R.

 

Acclamazione al Vangelo

 

Alleluia, alleluia.

Io sono il pane della vita, dice il Signore:
chi viene a me non avrà fame. (Gv 6,35ab)

Alleluia.

 

Vangelo

Non Mosè, ma il Padre mio vi dà il pane dal cielo.

 

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6,30-35

In quel tempo, la folla disse a Gesù: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: "Diede loro da mangiare un pane dal cielo"».
Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane».
Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

Parola del Signore.

 

Sulle offerte

 

Accogli, o Signore, i doni della tua Chiesa in festa,
e poiché le hai dato il motivo di tanta gioia,
donale anche il frutto di una perenne letizia.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:

Invochiamo la tua clemenza, o Signore,
celebrando il memoriale della nostra salvezza:
questo sacramento del tuo amore
sia per noi segno di unità e vincolo di carità.
Per Cristo nostro Signore.

 

Antifona alla comunione

 

Se siamo morti con Cristo,       
crediamo che anche vivremo con lui. Alleluia. (Rm 6,8)

Oppure:

Io sono il pane della vita:
chi viene a me non avrà più fame
e chi crede in me non avrà più sete. Alleluia. (Gv 6,35)

 

Dopo la comunione

 

Guarda con bontà, o Signore, il tuo popolo
che ti sei degnato di rinnovare con questi sacramenti di vita eterna,
e donagli di giungere alla risurrezione incorruttibile del corpo,
destinato alla gloria.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:

Nella tua misericordia, o Padre,
donaci la grazia di adorare con fede viva,
in questi santi misteri, il Signore Gesù,
nel cui nome hai voluto che ogni ginocchio si pieghi
e ogni uomo trovi la salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

 


______

FONTE: Chiesa Cattolica Italiana - CEI

GRAZIE AI NOSTRI CONTRIBUTORI
Questo sito è stato realizzato grazie al contributo della BCC - Cassa Rurale ed Artigiana del Friuli Venezia Giulia