logo desktop
logo mobile
SELEZIONE CORRENTE: autore=Barbara Spanedda
risultati: 38
RICERCA CORRENTE:
HOME > News, articoli e comunicati:Visita alle mostre dedicate alle Madri Orsoline di Gorizia da parte del gruppo Adulti di AC di Gorizia

Visita alle mostre dedicate alle Madri Orsoline di Gorizia da parte del gruppo Adulti di AC di Gorizia

autore: Barbara Spanedda | tema: ADULTI
data di pubblicazione: 02-06-2022

“Tra la terra e il cielo. I meravigliosi ricami delle Orsoline” e “Le Orsoline a Gorizia. Un filo prezioso lungo 350 anni”.

Nel 2022 la città di Gorizia e l’Ente del Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia stanno ricordando i 350 anni della presenza delle Madri Orsoline a Gorizia: l’ERPAC ha acquistato buona parte del patrimonio conservato nel monastero e attualmente alcuni importanti paramenti sacri e cartoni preparatori, oltre al mobile della sagrestia, sono esposti presso il Museo della Moda di Borgo Castello nelle due mostre “Tra la terra e il cielo. I meravigliosi ricami delle Orsoline” e “Le Orsoline a Gorizia. Un filo prezioso lungo 350 anni”.

Proprio per conoscere la storia del monastero, ed ammirare i paramenti sacri il gruppo adulti dell’Azione Cattolica di Gorizia ha organizzato una visita guidata alle due mostre, a cura di Barbara Spanedda, dipendente di ERPAC e guida didattica presso i Musei. Pertanto nella mattinata di sabato 28 maggio un cospicuo gruppo di adulti, provenienti dalle parrocchie della diocesi, ha seguito con molta attenzione ed interesse la visita guidata; gli adulti sono rimasti (come tutti coloro che stanno visitando le mostre) ammirati nell’osservare i ricami dei paramenti sacri, delle pianete e delle dalmatiche realizzate a Gorizia, con tecniche di ricamo come l’agopittura o il ricamo con fili dorati.

Certamente tra le opere che destano maggiore stupore c’è il parato di sant’Orsola e il mobile della sagrestia, realizzato all’inizio del Settecento e recentemente restaurato.
La visita guidata si inserisce nelle numerose iniziative culturali organizzate dall’Azione Cattolica quest’anno, in occasione del centenario della sua attività: è quindi fondamentale conoscere la storia del territorio in cui si opera, per poter trasmettere alle future generazioni la bellezza du un passato che deve essere custodito.